Sesto Quatrini

Direttore d'orchestra

Compositore e direttore d’orchestra, Sesto Quatrini nasce nel 1984 a Roma dove compie i suoi primi studi musicali. Si perfeziona tra L’Aquila e Milano, diplomandosi in tromba e in seguito in composizione e direzione d’orchestra con il massimo dei voti e la lode. Per due anni lavora come assistente e cover conductor di Fabio Luisi alla Metropolitan Opera di New York, dove ha la possibilità di lavorare con artisti come Roberto Alagna, Elīna Garanča, Kristine Opolais, Matthew Polenzani e Sondra Radvanovsky. Sempre con Luisi inizia una collaborazione con il Festival della Valle d’Itria a Martina Franca, dove dirige alcuni concerti e fa il suo debutto operistico con la nuova produzione de Un giorno di regno nel 2017, ottenendo un grandissimo riscontro di pubblico e di critica. Contestualmente fonda due compagnie, delle quali è Direttore musicale e artistico: Les Voix Concertantes a Parigi e la Bare Opera a New York. Due realtà giovani e dinamiche, ideate per “smitizzare” i tabù nei confrontidella lirica e per proporre opere per un pubblico nuovo, prevalentemente giovanile. A Parigi, in diversi teatri storici, sono già state rappresentate: La traviata, Rigoletto e L’elisir d’amore; a New York sono state messe in scena, in spazi anticonvenzionali come gallerie d’arte contemporanea, coworking spaces, loft ex-industriali: L?Enfant et lessortilèges, L’enfant prodigue, Goyescas, La cambiale di matrimonio e Figaro&Figaro, un’originale fusione drammaturgica e musicale tra Le nozze di Figaro e Il barbiere di Siviglia. Molte delle sue composizioni sono state eseguite riscuotendo grande consenso. Tra queste, in particolare: il Concerto per violino e orchestra e il “corto d’opera” Il Filosofo, entrambi presentati a Roma all’Auditorium Parco della Musica con la Piccola Orchestra ‘900. Tra gli impegni recenti e futuri: il debutto all’Opera di Vilnius con una nuova produzione de I Capuleti e i Montecchi e a Torino con un concerto in Piazzetta Reale, nell’ambito di “Torino Estate Reale” (con l’Orchestra del Teatro Regio e musiche di Gershwin e Bernstein); il ritorno al Festival della Valle d’Itria con l’edizione critica di Giulietta e Romeo di Vaccaj; concerti con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, con la Filarmonica Toscanini, con l’OrchestraSinfonica Nazionale Lettone e con le orchestre dell’Opéra de Saint-Etienne, della Radio Slovacca e della Radio Ungherese; il debutto al Teatro Filarmonico di Verona con un concerto sinfonico e con Le nozze di Figaro e al Teatro La Fenice con L’elisir d’amore.

 

Profile details