Giorgio Sangati

Regista

Giorgio Sangati è nato ad Abano Terme (Padova) nel 1981. Si diploma come attore con Luca Ronconi nel 2005 presso la Scuola di Teatro del Piccolo di Milano e si laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Padova. Nello stesso anno ottiene una segnalazione per il Premio “Hystrio alla Vocazione teatrale”. Dopo il diploma, lavora come attore in diverse produzioni con la regia di Luca Ronconi, Robert Carsen, Claudio Longhi. Studia con registi come Lev Dodin, Anatolij Vassiliev, Anne Bogart, Declan Donnelan. Nel 2011 è assistente alla regia di Luca Ronconi ne La compagnia degli uomini di Edward Bond e ne La modestia di Rafael Spregelburd, entrambi prodotti dal Piccolo Teatro di Milano. Nel 2012 partecipa in qualità di regista al progetto MIBAC, organizzato dal Centro Teatrale Santa Cristina –fondato da Luca Ronconi – mettendo in scena L’inappetenza di Rafael Spregelburd. Collabora quindi come aiuto-regista all’allestimento di Natale in casa Cupiello di Eduardo De Filippo con Fausto Russo Alesi (produzione del Piccolo). Nel 2010 firma il suo primo allestimento di un’opera lirica, La stanza terrena di Antonio Miari per il Teatro Comunale di Belluno. Nel 2011 il suo testo Malabrenta vince il secondo Premio come Miglior Spettacolo al Premio OFF 2011 del Teatro Stabile del Veneto, allora diretto da Alessandro Gassmann. L’anno successivo Arbeit vince il Premio come Migliore Interpretazione e il secondo Premio all’OFF 2012, e viene messo in scena al Teatro Grassi di Milano all’interno della rassegna di nuova drammaturgia “Tramedautore”. Sempre nel 2012 il suo testo Buco viene prodotto dal Teatro Stabile del Veneto ed è finalista al Premio nazionale “Playfestival”, organizzato da Atir e dal Piccolo Teatro. Il suo testo Massacritica viene prodotto all’interno del Progetto Scuole dal Teatro Stabile del Veneto, dove debutta nel 2015. Nel 2014 è assistente alla regia per Celestina di De Rojas (regia di Luca Ronconi) al Teatro Strehler di Milano e nel 2015 è regista assistente per Lehman Trilogy di Stefano Massini, sempre per la regia di Ronconi. Nel 2015 lo Stabile del Veneto produce anche il suo Arlecchino, il servitore di due padroni (un adattamento da Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni), che nel 2017 viene rappresentato al Teatro La Abadia di Madrid. Giorgio Sangati debutta nel 2015 al Piccolo Teatro di Milano con Le donne gelose di Goldoni (che l’anno successivo va in tournée e rappresenta l’Italia al Festival Internazionale di San Pietroburgo organizzato dal Teatro Alexandrinsky). Nello stesso anno dirige I maggiorenni di Tiziano Scarpa, prodotto dallo Stabile del Veneto. Nel 2016 cura per il carnevale di Venezia il gioco scenico L’Arlecchino furioso, che va in scena in Piazza San Marco, e debutta al Caio Melisso di Spoleto con Rosicca e Morano, due intermezzi di Francesco Feo, prodotti dal Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Nel 2017 porta in scena Sesso e potere (Studio da “Le donne al parlamento” di Aristofane) con gli attori diplomati alla Scuola del Teatro Stabile del Veneto; debutta con la regia de Le donne vendicate di Piccinni al Festival della Valle d’Itria; dirige Mahagonny Songspiel di Brecht/Weill al Teatro Caio Melisso di Spoleto (una produzione del Lirico Sperimentale) e mette in scena I due gentiluomini di Verona di Shakespeare (prodotto dal CTB e dal Teatro Stabile del Veneto).

 

Profile details