Cecilia Ligorio

Regista

Regista, librettista, attrice e drammaturga, nasce a Verona nel 1981. Studia violoncello, canto, danza e filosofia. Si diploma presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma, che la insignisce del premio “Vittorio Gassman”. Perfeziona i suoi studi presso l’Institut de Teatre di Barcelona, dove inizia a occuparsi anche di regia e drammaturgia, dopo i felici incontri con Abilio Estevez e Wajdi Mouawad. Nei primi anni di carriera lavora come attrice con registi come Walcott, Rigola, Tosar, Simó, Gas, Sicca, Rossi, e gestisce la programmazione teatrale e musicale per ragazzi presso il Palau de la Musica “Reina Sofia” di Valencia, curando l’adattamento e la regia di opere come L’elisir d’amore, La bruja e Porgy and Bess. In collaborazione con i musicisti dell’Orchestra Sinfonica di Valencia comincia a scrivere e dirigere numerosi musical. Contestualmente fonda la compagnia “Somnis de Somnis”, con cui riapre lo storico Teatro Circol Maldà di Barcelona, partecipandovi sia come attrice sia come regista. È membro della compagnia “If Human” di Bruxelles e della “Ludwig-officina di linguaggi contemporanei” di Milano.

Debutta come regista d’opera con Maria de Buenos Aires di Piazzolla al Teatro Principal di Valencia e, subito dopo, firma un nuovo allestimento del Don Pasquale per lo stesso teatro. Il debutto italiano arriva con Assassinio nella cattedrale di Pizzetti al Duomo di Milano, dove ritornerà con Mosè in Egitto per le celebrazioni dell’Expo. Ha già diretto, tra gli altri titoli, Don Giovanni (Teatro Principal Valencia), La cambiale di matrimonio (Bare Opera, NYC), la prima in epoca moderna dei Baccanali di Steffani (Festival della Valle d’Itria, Martina Franca), Otello di Verdi (Teatro Verdi di Salerno), Il barbiere di Siviglia (Martina Franca), La traviata (LVC, Paris), El corregidor y la molinera e El amor brujo di de Falla. Da quattro anni riprende la Madama Butterfly del Teatro La Fenice di Venezia ideata da Alex Rigola e Mariko Mori per la 55esima Biennale Arte di Venezia. Ha scritto e diretto: Figaro&Figaro (fusione drammaturgica tra le Le nozze di Figaro e Il barbiere di Siviglia) per la Bare Opera; Il Caravaggio rubato – su commissione del Teatro Massimo di Palermo e con le musiche originali di Sollima – con cui ha debuttato nel teatro palermitano; la prima assoluta di Shi – di cui ha curato anche il libretto (edito da Ricordi) – al Festival di Macerata, con musiche di Boccadoro. Tra gli impegni futuri: la Semiramide di Rossini al Teatro La Fenice di Venezia, Giulietta e Romeo di Vaccaj al Festival della Valle d’Itria, Fernando Cortez di Spontini al Teatro dell’Opera di Firenze. Affiancherà inoltre, in veste di regista collaboratrice, John Turturro nel nuovo allestimento del Rigoletto co-prodotto dal Massimo di Palermo, dal Regio di Torino e dall’Opéra Royal de Wallonie.

Profile details