FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

43ª edizione

luglio 2017>
lunmarmergiovensabdom
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Programma 2017:

Acquista

43ª edizione
FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA
Quattro secoli di teatro musicale italiano si snodano lungo il cartellone della 43ª edizione del Festival della Valle d’Itria: da Monteverdi a Puccini, passando per Vivaldi, Piccinni, Meyerbeer e Verdi. Dal 14 luglio al 4 agosto 2017 è di scena a Martina Franca l’atteso appuntamento con il belcanto, con un ricchissimo cartellone che il direttore artistico Alberto Triola e il direttore musicale Fabio Luisi hanno voluto dedicare alla memoria dello storico direttore artistico Rodolfo Celletti, nel centenario della nascita...
Leggi il programma»

Alberto Triola

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA COSì FAN TUTTE

Luogo : Martina Franca - Palazzo Ducale
Autore : W. A. Mozart

Dramma giocoso di Lorenzo Da Ponte
Edizioni Bärenreiter, Kassel
Esecuzione in forma semiscenica

Fiordiligi SHAKED BAR
Dorabella NOZOMI KATO*
Guglielmo LAURENCE MEIKLE
Ferrando BRYAN LOPEZ GONZALEZ
Despina NAO YOKOMAE
Don Alfonso DANIELE ANTONANGELI

Maestro concertatore e direttore d’orchestra FABIO LUISI
Progetto scenico JULIETTE DESCHAMPS

Disegno luci MARCO GIUSTI

Coro dell’Accademia del Belcanto “Rodolfo Celletti”
Soprani: Cristina Fanelli, Paola Leoci, Vittoria Magnarello, Barbara Massaro
Mezzosoprani: Elena Caccamo, Christie Cook, Chiara Manese
Tenori: Nico Franchini, Yasushi Watanabe
Bassi: Nicolò Donini, Iosu Yeregui

Maestro del coro Ferdinando Sulla

Maestro al fortepiano: Carmen Santoro
Maestri di sala: Kayoko Ikeda, Liubov Gromoglasova
Maestro di palcoscenico: Angela Zaccaria
Assistente del direttore d’orchestra: Sesto Quatrini
Assistente alla regia: Andrea Muscato
Assistente alle scene e ai costumi: Felix Deschamps
Scenografia: Laboratori Festival della Valle d’Itria
Attrezzeria e costumi: Compagnie La Scène du crime, Parigi
Orchestra Internazionale d’Italia

*Allieva Accademia del Belcanto “Rodolfo Celletti” A.A. 2015

In foto: Prove dell’opera workshop "Così fan tutte" (ph. Giancarlo Benedetto)

Progetto realizzato con il contributo della Fondazione Puglia

giovedì, 21 luglio 2016, 21:00


SCHEDE ARTISTI
Shaked Bar

Shaked Bar ha esordito come corista con il coro Ankor, diretto da Cilla Grossmeyer e Zvi Zemel. Si è laureata all'Accademia di Musica e Danza di Gerusalemme, dove ha studiato con Marina Levit, Efrat Ben-Nun, e Zvi Zemel. Attualmente studia col M° Sherman Lowe e Joyce Fieldsend a Venezia. Shaked ha partecipato a masterclass di John Hugh-Davis, Johannes Mannov, Kenneth Weiss, Jill Feldman, Karola Theill, Jeanette Favaro-Reuter, Philip Moll, Claudia Visca, Robert Holl, Ido Ariel, Daliah Schechter, Sylvia Greenberg, David Aronson (Vienna Staatsoper), Rosemarie Danziger, Andreas Scholl, Sonia Prina, Roberta Mameli, Stefania Bonfadelli e Lella Cuberli. Da solista, si è esibita con la Jerusalem Symphony Orchestra IBA, con la Barrocade ensemble, e la Jerusalem Baroque Orchestra. Shaked ha interpretato il ruolo di Serpetta ne La finta giardiniera di Mozart, e di Poppea ne L'incoronazione di Poppea di Monteverd, nelle produzioni dell'Accademia. E' membro della Jerusalem Opera's soloist ensemble, e si è esibita al Piccolo Festival di Trieste, Italy. In questo festival ha cantato repertorio Yiddish e Israeliano. Nell'ottobre 2014 è stata Zerlina della produzione della Jerusalem Opera del Don Giovanni di Mozart, e Dido nella Dido and Aneas di Purcell con la Jerusalem Baroque Orchestra. Shaked ha ricevuto il premio del Direttore della Facoltà delle Arti per l'anno accademico 2012-2013, e la borsa di studio della America-Israel Cultural Foundation per gli anni 2013-2015.

Nozomi Kato

Nata a Kanagawa, laureata nel 2010 in canto lirico presso la Tokyo University of the Arts, nel 2013 consegue il master presso la stessa università con il massimo dei voti. Ammessa al Conservatorio "A.Boito" di Parma sotto la guida di Adriana Cicogna, nello stesso anno riceve una borsa di studio dal Meiji Yasuda Cultural Foundation (Giappone) per 2 anni consecutivi. Nel 2006 ha frequentato un master class tenuto da Margit Klaushofer presso la University of Music and Performing Arts di Vienna come premio del 59° Concorso “Taki Rentaro” di Oita. Nel 2013 riceve il primo premio al 43° Concorso di Lirica Italiana di Tokyo. Nel 2014 vince il primo premio al 1° Concorso Internazionale di Grandate. Durante gli studi universitari interpreta i ruoli di Dorabella in "Così fan tutte" di Mozart nel 2011, di Maddalena in "Rigoletto" di Verdi nel 2011, di Flora ne "La Traviata" di Verdi nel 2013. Svolge inoltre un'intensa attività concertistica. Esegue il "Messiah" di Händel, la Sinfonia Nr. 9 di Beethoven nel 2010, nel 2011 e nel 2012, "Das Paradies und die Peri" di Schumann nel 2010, lo "Stabat Mater" di Dvorák nel 2010, la "Messa da Requiem" di Verdi nel 2012, la "Messa da Requiem" di Mozart nel 2013. Nel 2013 debutta nel ruolo di Mrs. Quickly in "Falstaff" di Verdi presso il Teatro Regio di Parma nell'ambito di "Imparo l'opera”. Nel 2014 debutta nel ruolo di Clarina in “La cambiale di matrimonio” di Rossini al Teatro Regio di Parma. Nel Settembre ed Ottobre 2014 partecipa all'Accademia di perfezionamento dell'Opera di Tenerife, debuttando il ruolo di Tisbe ne "La Cenerentola" di Rossini. Nel 2014 debutta ancora nel ruolo di Suzuki in “Madama Butterfly”di Puccini sotto la guida del M° Valerio Galli al Teatro Magnani di Fidenza. Nel 2015 debutta il ruolo di Maddalana in “Rigoletto” sotto la guida del M° Andrea Battistoni a Tokyo. Nel Maggio 2015 debutta presso l'Opera di Tenerife il ruolo di Smeton in “Anna Bolena”di Donizetti accanto a Marta Torbidoni, Celso Albelo e Alessandra Volpe, sotto la bacchetta del M° Sebastiano Rolli. Nel Luglio 2015 canterà nel ruolo di Ismene in ”Medea in Corinto” di Mayr sotto la guida del M°Fabio Luisi al 41° Festival della valle d’Itria. Nel Aprile 2016 canterà nel ruolo di Suzuki in “Madama Butterfly” di Puccini sotto la guida del M° Valerio Galli al Teatro Municipale di Piacenza.

Laurence Meikle

Allievo della Accademia Rodolfo Celletti 2016, Laurence Meikle, basso Australiano, inizia la sua carriera a 21 anni come baritono alla Sydney Opera House, con Opera Australia.
Prosegue il percorso artistico nei principali teatri australiani prima di approfondire i suoi studi alla Royal Academy of Music di Londra.
Nel Regno Unito, Laurence collabora con l’Opera Holland Park, la Grange Park Opera, il London Handel Festival, e poi con il Deutsches Nationaltheater und Staatskapelle Weimar, debuttando in 27 ruoli. E` stato diretto, tra gli altri, da Sir Charles Mackerras, Fabio Luisi, Richard Bonynge, Jane Glover e Richard Hickox. Fra i tanti ruoli principali
Don Giovanni, il Conte Almaviva, Guglielmo, Marcello, Belcore, Malatesta, e Escamillo. Nel 2016, intraprende un nuovo percorso di studi con Antonio Lemmo, e infatti, scopre una vocalita` di basso che lo vede da subito impegnato in importanti debutti presso i piu` prestigiosi teatri e festival europei. Nei prossimi mesi, Laurence fara` ritorno al Teatro San Carlo di Napoli nei panni di Osmin ne Die Entfu¨hrung aus dem Serail di Mozart, e nel 2018 per lo stesso teatro sara` La Cusinie`re in L’amour di des trois oranges di Prokofiev, e Mose` in Mose` in Egitto di Rossini.

Bryan Lopez Gonzalez

Il tenore cubano Bryan Lopez Gonzalez si è laureato nel 2009 in canto presso il Conservatorio Amadeo Roldan a L'Avana, Cuba con il professor Adolfo Casas. Primo solista del Teatro Nacional de Cuba il giovane tenore ha cantato in ruoli principali in diverse opere e zarzuelas, come ad esempio Tamino ("Flauto Magico" di Mozart), Alfredo (di Verdi "La Traviata"), Rodolfo (Puccini "La Boheme") e Edgardo (di Donizetti "Lucia di Lammermoor").
Bryan Lopez è stato inoltre membro di Ars Longa, riconosciuto a livello internazionale ensemble di musica antica. Ha vinto numerosi concorsi, tra cui il primo premio al concorso vocale UNEAC 2011.
Nel 2013 ha cantato nel ruolo del timoniere nella prima rappresentazione di L'olandese volante di Richard Wagner a Cuba. Gli spettacoli e i concerti lo hanno portato, presto, in Colombia, negli Stati Uniti e in Europa, dove ha avuto modo di studiare presso l’Associazione Richard Wagner di Monaco 2015.
Ha lavorato con direttori quali Walter Gugerbauer e Samuel Bächli.
Dalla stagione 2016/17 Bryan Lopez è membro dell'Opera Studio della Deutsche Oper am Rhein, Düsseldorf.

Nao Yokomae

NAO YOKOMAE, nata a Nagano nel 1989, soprano giapponese, dopo la laurea in canto presso l’Università di musica Showa a Tokyo viene successivamente ammessa al Conservatorio Arrigo Boito di Parma. Nel 2016 si è laureata con lode. Ha partecipato a diverse masterclass con artisti quali Mariella Devia, Dante Mazzola.
Nel 2014 ha interpretato il ruolo di Fanny ne “La cambiale di Matrimonio” presso Teatro Regio di Parma e Teatro Valli di Reggio Emilia diretto da Francesco Cilluffo. Nel 2016 ha interpretato il ruolo di Berenice ne “L’occasione fa il ladro” presso Teatro Regio di Parma diretto da Alessandro d’Agostino. Nel 2016 Ha ottenuto la borsa di studio Cariparma. Nell’agosto 2015 ha vinto il premio d’oro e il premio del pubblico al 45° concorso di lirica italiana in Giappone. Nell’aprile 2016 ha vinto il primo premio del 3° concorso “Franco Federici”.
Ha partecipato a vari concerti, tra cui il concerto dedicato a Angelo Mariani presso il Teatro Alighieri di Ravenna nel 2013; il concerto dedicato a Guido Alberto Fano presso l’Auditoriun del Carmine di Parma nel 2014; il concerto di Natale per la Fondazione Cariparma presso il Teatro Regio di Parma nel 2014; il concerto “ORER” con l’Orchestra Toscanini presso l’Auditorio Paganini di Parma.

Daniele Antonangeli

Si diploma con il massimo dei voti e la lode presso il conservatorio G.Verdi di Milano sotto la guida del M. Delfo Menicucci.
Nel 2011, appena ventiduenne, vince il Concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto debuttando nella Madama Butterfly nel ruolo di Sharpless e nel ruolo di G.Germont nella Traviata.
Attualmente si prepara con il M. Antonio Lemmo.
Ha collaborato con il Teatro Sociale di Como cantando ne L'Olandese volante per oltre 40 repliche nei maggiori teatri di tradizione italiani. Nel 2012 é stato il protagonista de L'Adelaide di Borgogna di P.Generali presso il Teatro Sociale di Rovigo incidendo un disco con la Bongiovanni.
Nel 2014 ha debuttato Don Giovanni nel Festival Ticino Musica.
A San Pietroburgo nella prestigiosa Glazunov Hall ha debuttato ne La Serva Padrona diretto dal M.Pace.
Successivamente é stato Belcore ne L'Elisir d'Amore a Potenza con la direzione del M.Savic e ha debuttato nel ruolo di Figaro ne Il Barbiere di Siviglia presso l'HanJun ArtCenter in Seoul.In ultimo il debutto in Figaro ne Le Nozze di Figaro con la regia di Marco Gandini nel Festival Ticino Musica 2015.
In autunno sarà in Austria con il Maestro Gustav Kuhn per il debutto ne L’italiana in Algeri nel Tiroler Festspiele Erl.

Fabio Luisi

Nato a Genova nel 1959, Fabio Luisi ha iniziato a studiare pianoforte all’età di quattro anni, diplomandosi al Conservatorio Niccolò Paganini nel 1978. In seguito ha compiuto studi di direzione orchestrale con Milan Horvat presso il Conservatorio di Graz. Fabio Luisi è Direttore Musicale all’Opera di Zurigo e Direttore Principale al Metropolitan Opera di New York, ed è stato nominato Direttore Principale dell’Orchestra Nazionale Sinfonica Danese a partire dalla stagione 2017-2018. Recentemente ha terminato il suo mandato di Direttore Principale dei Wiener Symphoniker, dove è stato onorato con la Golden Bruckner Medal e il Golden Bruckner Ring, ed è stato nominato Direttore Musicale del Festival della Valle D’Itria a partire dalla 41° edizione da luglio 2015. In passato ha ricoperto diversi ruoli quale Direttore Musicale della Staatskapelle di Dresda e della Sächsischen Staatsoper (2007-2010), Direttore Artistico del Lipsia Mitteldeutscher Rundfunk (1999-2007), General Music Director dell’Orchestre de la Suisse Romande (1997-2002), Principal Conductor della Tonkünstler Orchester di Vienna (1995-2000) e Direttore Artistico della Graz Symphony (1990-1996). Raffinato interprete sia di opere che di concerti, ha una fitta rete di collaborazioni con orchestre internazionali e compagnie d’opera come Bayerischer Rundfunk, Wiener Philharmoniker, Chicago Symphony, Boston Symphony, Philadelphia Orchestra, San Francisco Symphony, Royal Concertgebouw, Orchestre de Paris, Philharmonia di Londra, NHK Symphony di Tokyo, Filarmonica di Monaco, Orchestra Santa Cecilia di Roma e Mahler Chamber Orchestra. È ospite abituale della Staatsoper di Vienna, della Bayerische Staatsoper, della Deutsche Oper e della Staatsoper di Berlino. Ha impressionato il New York Times con la sua “emozionante, perspicace e affermata” direzione di tre cicli del visionario Ring di Robert Lepage, per la quale ha anche ricevuto la nomination di Best Opera Recording of 2012 dalla Deutsche Grammophon e il Grammy Award per la direzione delle ultime due opere della Tetralogia nel 2013. La sua vasta discografia comprende, oltre ai titoli di repertorio, anche opere di rara esecuzione come Jérusalem, Alzira e Aroldo di Verdi e La locandiera di Salieri, una registrazione per Deutsche Grammophon de I Capuleti e i Montecchi di Bellini e il repertorio sinfonico di Honegger, Respighi e Liszt. Ha inciso tutte le sinfonie e l’oratorio Das Buch mit sieben Siegeln del trascurato compositore austriaco Franz Schmidt e diverse opere di Richard Strauss per Sony Classical; è stato inoltre premiato per la Nona Sinfonia di Bruckner eseguita con la Staatskapelle di Dresda.

Juliette Deschamps

Letterata, filosofa e musicista per formazione, Juliette Deschamps è nata a Parigi. Debutta nell’opera nel 2006 mettendo in scena la soprano Anna Caterina Antonacci in due spettacoli lirici: Era la notte (repertorio barocco) e Altre Stelle (repertorio romantico). Le sue prime produzioni le aprono le porte delle più grandi sale d’Europa: il Théâtre des Champs-Élysées a Parigi, il Theater An Der Wien a Vienna, l’Het Musiktheater ad Amsterdam, il Grand Théâtre di Aix-en-Provence, l’Opéra de Lille, il Teatro Arriaga a Bilbao, il Teatro Ponchielli a Cremona, il Grand Théâtre di Lussemburgo. La sua carriera prosegue all’Opéra con Mahagonny Songspiel e Die Sieben Todsünden (Kurt Weill) al Théâtre des Champs-Élysées e al Theater An der Wien, Agrippina (Haendel) al Teatro Malibran a Venezia. La Serva Padrona e Salustia (Pergolesi) alla Fondazione Pergolesi-Spontini, La Peintre (composizione contemporanea) al Chang Kaï-chek Center di Taïwan, Il Novello Giasone (Cavalli / Stradella) al Festival della Valle d'Itria a Martina Franca. Questa stagione debutterà a New York al Lincoln Center con la sua opera da camera « Era la notte » e la mis en scène di Le Château de Barbe-Bleue (Bartok) all’Opéra National di Bordeaux. Nell’ambito teatrale, firma tre produzioni notevoli: Il Banchetto (Platone) all'Auditorium del Louvre, Rouge Carmen (Mérimée) alle Nuits de Fourvière e all'Opéra Comique, e A Queen of Heart al Théâtre de la Bastille di Parigi. Nel 2008 fonda la sua compagnia: La Scène du crime. Artista eclettica, Juliette Deschamps si avvenura anche nel repertorio della musica contemporanea, mettendo in scena degli spettacoli all’Olympia, al museo du Quai Branly, al Centre Georges Pompidou con artisti della scena pop, flamenco, jazz, elettronica e sperimentale. Il suo lavoro di vidéaste è stata selezionata questa stagione per la Biennale di Shanghai e presentata a Maggio alla La Cité de la Musique di Parigi (Shanghai Underground). A partire da Gennaio prossimo sarà «artista associata» dell’Opéra di Montpellier, dove inaugurerà la stagione 2015-2016 con Chérubin di Massenet.

Marco Giusti

Nato a Moruzzo (UD) il 12 gennaio 1977. Diploma di regia teatrale presso la scuola "Paolo Grassi" di Milano. Dopo il diploma in regia collabora con il Lighting Designer e Scenografo Gabriele Amadori. Dal 2006 inizia un percorso autonomo di formazione che lo porterà ad applicarsi in vari settori del lighting design, festival come DMT Biennale di Venezia, ROF Pesaro ed eventi Live come Folkest, No Boarders Music, Sexto 'nplugged. In Teatro collabora con CSS Udine, ERT Modena e Teatro Stabile FVG. A partire dall' anno 2010 inizia a firmare i disegni luce per Les Adieux con la regia di Benedetto Sicca presso il Napoli Teatro Festival. Con G.B. Corsetti disegno le luci per "L’incoronazione di Poppea" presso il Theatre du Chatelet di Parigi," I Was Looking at the Ceiling" sempre a Chatelet, "La Sonnambula" al Petruzzelli di Bari, "Il Principe di Homburg" presso il Festival di Avignone, Corte d'Onore. Con Benedetto Sicca collaboro per: "Frateme", "Idiots Lab", "Il Silenzio dei Cassetti", "La Morte della Bellezza" e "The Turn of the Screw". Con Nicola Berloffa "Carmen" presso il teatro di ST. Gallen (ch) e a ottobre 2015 "Un Ballo in Maschera" presso il Teatro Fraschini di Pavia e a marzo 2016 "Norma" sempre a ST. Gallen. collabora come consulente e assistente al disegno luci anche con Romeo Castellucci: "Sacre" presso la Rhur Triennale e cura il riallestimento di alcuni spettacoli della compagnia "Raffaello Sanzio" di Cesena. Progetti futuri: "Medea in Corinto" regia di Benedetto Sicca, Festival della Valle d' Itria; "Was looking at the ceiling...." regia di G.B. Corsetti Opera di Roma, riallestimento; "La Cenerentola" regia di Adriano Sinivia, Teatro dell' Opera di Losanna; "Moses und Aaron" regia di Romeo Castellucci, Opera Bastille Parigi.

Ferdinando Sulla

Ferdinando Sulla studia organo, composizione e si diploma con il massimo dei voti e la lode in musica corale e direzione di coro. Approfondisce lo studio dell’orchestrazione a Milano con Giampaolo Testoni, figura determinante per la sua crescita umana e artistica. Intraprende gli studi di direzione d’orchestra con Luis Rafael Salomon, Renato Rivolta, Pietro Mianiti. Fondamentale per la sua formazione in ambito direttoriale è stato l’incontro con la scuola di Gilberto Serembe. Si diploma in direzione d’orchestra presso la “Civica Scuola di Musica Claudio Abbado” di Milano.
Ha diretto “Roma 3 Orchestra”, “I Pomeriggi musicali” di Milano. In ambito operistico ha diretto Nozze di Figaro, La Traviata, Elisir d’amore, Serva Padrona. Nel 2017 dirige il Barbiere di Siviglia di G. Paisiello nell’ambito della stagione milanese Voce All'Opera, e debutta in ambito internazionale nella stagione sinfonica della Filarmonica di Stato “Transilvania” di Cluj-Napoli (Romania), con i Quattro pezzi sacri di G. Verdi.
È assistente di direttori di fama internazionale come Daniele Callegari e Fabio Luisi.
Nel 2014 consegue a Milano la laurea magistrale in musicologia con il massimo dei voti e la lode, e collabora con il Prof. Davide Daolmi all’edizione critica di Adelson e Salvini di V. Bellini, e all’edizione critica della Petite Messe Solennelle di Rossini (Casa Ricordi).

 

Presidente
Franco Punzi

Direttore artistico
Alberto Triola

Direttore musicale
Fabio Luisi



ACCADEMIA DEL BELCANTO

Laboratori di studio sulla tecnica, lo stile e l'interpretazione nel Belcanto italiano e work experience in collaborazione con il Festival della Valle d'Itria...

FESTIVAL Leggi i dettagli »

Social Network:

UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale - MIBAC Ministero per i Beni e le Attività Culturali
      REGIONE PUGLIA       COMUNE MARTINA FRANCA
 VIAGGIARE IN PUGLIA     CAMERA DI COMMERCIO
FONDAZIONE PAOLO GRASSI   EFFE
EUROPEAN FESTIVALS ASSOCIATION - ITALIAFESTIVAL - CIDIM